12. Agosto 2018 ARMIN ON BIKE

Si era effettivamente aspettato un’altra Ducati | Drammatica gara di MotoGP al Gran Premio motociclistico d’Austria

Marc Márquez following Jorge Lorenzo | Photo: Armin Hoyer - arminonbike.com

Spielberg | Red Bull Ring – Il campione del mondo Marc Márquez puntava ad essere in testa alla fine della gara della MotoGP con una Ducati in lotta per la vittoria. Che sarebbe stata di Jorge Lorenzo, la vittoria, e non sarebbe stato ad un tiro di schioppo nell’ultima curva, è stato un po’ sorprendente per lui…

Il pilota della Ducati, Andrea Dovizioso, se ne è uscito nel migliore dei modi con il suo Desmosedici GP (pneumatici anteriore e posteriore: medio) nella gara di MotoGP in Austria. Ma già alla curva 3 Marc Márquez lo ha superato all’interno. Gli ha tagliato così tanto la strada che Dovi ha perso molta velocità per evitare una collisione. Jorge Lorenzo ha approfittato del duello di fronte a lui per superare entrambi. A causa della manovra, Dovizioso è anche caduto velocemente dietro a Alex Rins, pilota della Suzuki EcstarTeam, che è arrivato dal decimo posto in su.

Ora, erano uno dopo l’altro. Al 2° giro Marc si è posizionato in cima al “Remus” (giro 3) e si è distinto dagli altri “giro più veloce” uno dopo l’altro. Il team ufficiale della Ducati è stato in grado di seguirlo, mentre il resto del campo era stato a debita distanza. Crutchlow, Petrucci e Rins, retrostanti, hanno combattuto amaramente per il 4 ° posto, che riguardava anche la posizione migliore dei piloti degli Independent Teams.

Marc ha fatto mangiare la polvere a tutti gli altri sulla sua Honda RC213V (pneumatici anteriore: medio, posteriore: duro), con l’obiettivo di vincere finalmente per la prima volta il Gran Premio d’Austria. La Ducati non poteva ostacolarlo. Ha guidato fino a mezzo secondo al giro più veloce rispetto al secondo classificato Jorge Lorenzo ed è riuscito portarsi in vantaggio di circa un secondo. Dovi ha fatto più pressione su Jorge nel frattempo, ma non è riuscito a superarlo e quindi rimasto indietro.

Dal decimo giro in poi, i piloti Ducati hanno potuto ridurre nuovamente la distanza da Marquez. Questa distanza si è stabilizzata dopo un paio di giri in mezzo secondo. La distanza dal resto dei piloti era aumentata già per più di cinque secondi in questa fase della gara. Jorge ha recuperato il giro più veloce verso Marc undici giri prima della fine e, così, era iniziata la battaglia per la vittoria. Un giro dopo, è diventato il capofila alla fine del traguardo. La feroce battaglia per la vittoria tra i due piloti era ormai in pieno fermento. Andrea ha commette un piccolo errore nell’irrompere in curva e deve prenderla larga.

Quindi si apre un piccolo varco tra i due piloti leader. In testa, Jorge Lorenzo è stato in grado di sfruttare al meglio le prestazioni del motore superiore e di distinguersi facilmente da Marc per la stabilità della sua Ducati Desmosedici GP in frenata (pneumatici anteriori e posteriori: morbidi). A otto giri dalla fine, entrambi i Ducati hanno guidato due decimi di secondo più veloci rispetto alla Honda. Negli ultimi cinque giri, i due spagnoli, e compagni di squadra del prossimo anno presso Honda, hanno poi regalato un affascinante scambio di colpi. Dovi non poteva più tenere il ritmo e si sentiva quasi due secondi dietro al duo. Marc si stava avvicinando al suo connazionale quando un errore di Jorge nella staccata dalla curva 3 gli ha permesso di guidare nuovamente la gara, tre giri prima della fine.

Con il potere Desmo della sua Ducati Jorge uscì dalla curva 8 più vicino a Marc, per passare alla curva successiva con una manovra aggressiva. Marc viene spinto avanti e indietro sulla sua Honda, come su un cavallo da rodeo, ma rimane saldamente in sella. Alla curva 3, Marc era di nuovo in testa, lo scambio di colpi e quindi la suspense aumentavano immensamente. In quel momento non sembrava che Márquez si muovesse verso la Coppa del Mondo, preferiva piuttosto la vittoria. Sul rettilineo iniziale, Jorge lo supera di nuovo, questa volta con un leggero contatto fisico a oltre 300 km / h.

Nell’ultimo giro nella curva 3, il nuovo attacco di Marc fallisce. Guidando esterno, Jorge ha impedito a Marc di tagliare la sua linea e con l’accelerazione fuori dalla curva è risultato ancora più avanti. Marc è arrivato vicino, ma non è riuscito ad avvicinarsi così tanto al suo frontman come l’anno scorso all’ultimo giro, per poter iniziare un ultimo importantissimo attacco. E così, anche nella terza gara dopo il ritorno del Campionato del mondo di motociclismo in Stiria ha vinto una Ducati – “L’Austria è la terra della Ducati”. Questa volta davanti a 206.746 spettatori ufficialmente appassionati durante tutto il weekend di gara. Jorge Lorenzo è già il terzo vincitore della Ducati qui a Spielberg negli ultimi tre anni, dopo Andrea Dovizioso dello scorso anno e Andrea Iannone nel 2016.

Come a Brno, questa gara ha dimostrato la difficoltà di vincere il campione del mondo in carica e attuale leader del campionato, Marc Márquez, sulle ruote dove la potenza del motore è decisiva. La Ducati, attualmente, a fatica riesce ad arrivare prima con il suo Desmosedici GP su queste piste. Tra due settimane, la MotoGP andrà a Silverstone nel Regno Unito. Sono già curioso di vedere come procederà la gara in corso tra i due piloti di fabbrica Ducati e Honda.

Testo e fotografia: Armin Hoyer | ARMIN ON BIKE – arminonbike.com

, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.