2. Aprile 2019 ARMIN ON BIKE

Nuova Vespa Elettrica guidata a Vienna | Anche l‘iconico scooter italiano adesso segue la tendenza dell’elettromobilità

ARMIN ON BIKE on Vespa Elettrica in Vienna | Photo: Armin Hoyer - arminonbike.com

Vienna | Austria – La prima Vespa è nata più di 70 anni fa e adesso una versione interamente elettrica dell’iconico scooter sta per essere immessa sul mercato. La Vespa Elettrica da inizio ad una nuova era per la Piaggio, in quanto si tratta del primo scooter elettrico prodotto dalla tradizionale azienda toscana. Appena giunto a Vienna, ho subito potuto testarla per te…

Dato che gli scooter Vespa hanno segnato la mia giovinezza, per me è stato un giorno davvero speciale. Il mio primo motorino è stata una Vespa PK 50 S, comprata a 16 anni, seguita poi da una 50 special e da un GTR 125 del 1974. Ancora oggi, sono un grande fan della Vespa e lo scorso anno ho persino partecipato ad una gara Vespa Cross.

VESPA ELETTRICA – MOTOCICLO LEGGERO CON UNA POTENZA DI 4 KW

La Vespa Elettrica è stata rivelata all‘EICMA nel 2017, e un anno dopo il modello prodotto è stato esposto alla fiera di Milano. I primi modelli sono stati inviati a chi aveva effettuato gli ordini online, mentre verso la fine dello scorso anno la Vespa Elettrica è arrivata ai rivenditori autorizzati.

All’inizio di Aprile, durante una giornata soleggiata, mi sono trovato a Vienna per provare per te la prima Vespa ad alimentazione elettrica. Si trattava della nuova Vespa Elettrica da 52 km/h, presente sul mercato solo da pochi giorni. Questo motociclo leggero (fino a 125 cc e 11kW) può essere guidato a partire da 16 anni. Per guidarlo è sufficiente una patente A1 o in alternativa una patente B. La Vespa Elettrica è anche disponibile come motorino con una velocità di punta di 45 km/h.

70 CHILOMETRI DI AUTONOMIA REALI

Dopo alcune brevi spiegazioni sulla Vespa e dopo essermi connesso tramite l’app Vespa, ero già pronto per partire. Con un suono leggero che mi ricordava vagamente quello di un jet, il motore elettrico accelerava senza sbalzi, ma portava rapidamente la Vespa alla velocità di punta di 52 km/h. La velocità potrebbe non sembrare granché, ma grazie all’ottima accelerazione risulta un mezzo perfetto per muoversi nel traffico cittadino. E non solo, è veramente divertente scivolare su strada quasi silenziosamente.

La Vespa Elettrica ha tre diverse modalità di guida. Per la maggior parte del tempo su strada, ho utilizzato la modalità POWER, in quanto garantisce la potenza massima di 4 kW e una velocità di 52 km/h. Nel mio test sono stato in grado di percorrere circa 70 km. La massima distanza percorribile è di circa 100 km, ma solamente in modalità ECO, che riduce la velocità massima a 30 km/h.

Una funzione davvero divertente è la modalità REVERSE, che fa muovere lo scooter all’indietro accompagnandolo con forte segnale acustico. Tuttavia, dato il peso a vuoto di soli 130 kg, la Vespa Elettrica è sempre semplice da manovrare, dunque questa funzione di inversione probabilmente servirà solo in rare occasioni. Ma giudica tu stesso, nel video sottostante vengono mostrate le tre modalità di guida dello scooter.

CARICA IN 4 ORE

Il motore elettrico della Vespa Elettrica è in grado di fornire una potenza continua di 2,5 kW e una potenza di picco di 4 kW. La batteria interna agli ioni di litio pesa 25 kg, possiede un sistema integrato di recupero dell’energia e ha una capacità di 4,2 kWh ed essendo montata sotto lo scompartimento del casco abbassa il centro di gravità, senza togliere però spazio utile. In genere, c’è abbastanza spazio per un casco jet o per un piccolo zaino. Tramite una tradizionale presa domestica, la batteria si ricarica fino all‘80% in tre ore e fino al 100% in quattro ore.

Il cavo di ricarica con spina Schuko è integrato direttamente nella Vespa ed è disposto in un piccolo scompartimento apposito. Prima di mettere in moto la Vespa, dopo aver terminato il processo di ricarica, bisogna assicurarsi di aver chiuso questo scompartimento. Nel mio test, la carica rimanente mostrata è risultata molto affidabile e corrispondente al vero. Nella parte anteriore dello scooter si trova un altro piccolo scompartimento con una presa USB incorporata.

CONNESSO AL MASSIMO CON LA NUOVA APP VESPA

La Vespa Elettrica è accessoriata con un display TFT da 4,3 pollici molto ben leggibile, che mostra tutti i parametri di guida necessari. Inoltre, ho potuto connettere tramite Bluetooth il mio iPhone allo scooter, utilizzando la nuova app Vespa. Il sistema Vespa Mia consente una connessione perfetta fra il due ruote e lo smartphone.

Oltre a registrare le varie statistiche di guida e guardare il live tracking e i parametri di guida correnti, è anche possibile, utilizzando un dispositivo hands-free, accettare le chiamate direttamente dal manubrio, guardare le notifiche e anche controllare la riproduzione della musica. Le istantanee possono essere arricchite con gli effetti più giusti per la Vespa e poi possono essere condivise sui social tramite l’app stessa.

ARMIN ON BIKE CONCLUSIONE

La Vespa Elettrica argentata appare proprio come una vera Vespa e dunque si tratta senza dubbio di una bellezza senza tempo. La versione da me testata è quella “Giallo Lampo” le cui finiture certamente le conferiscono un tocco moderno, che si adatta perfettamente alla nuova tecnologia. Con un peso di 130 kg, la Elettrica non è un peso piuma nel segmento degli scooter elettrici, ma tutto è realizzato in una qualità molto elevata. Il telaio perfettamente bilanciato lascia trasparire la pluridecennale esperienza di Piaggio e inoltre lo scooter non ha problemi neanche di fronte ai limiti di rumore imposti nei centri città. Anche in termini di connettività, la Vespa si pone all’avanguardia della tecnologia.

Il vantaggio è che tutta la tecnologia di caricamento, cavo di ricarica incluso, è integrata nel veicolo. Di contro, lo svantaggio è che la batteria non può essere staccata per ricaricarla in ufficio o nel proprio appartamento. Questo per molti potrebbe complicare l’utilizzo dello scooter, soprattutto in città e zone urbane. Il prezzo, relativamente alto, è di 6.590 euro (versione da 52 km/h) e specialmente in Italia non è un grosso affare. Ma guidare una Vespa è sempre un‘esperienza speciale.

Testo, foto e video: Armin Hoyer – arminonbike.com

, , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.