27. Luglio 2020 ARMIN ON BIKE

Andata e ritorno verso il deserto | Test Honda CRF1100L Africa Twin Adventure Sports nel sud della Sardegna

Arimin on Honda CRF1100L Africa Twin Adventure Sports  | Photo: Armin Hoyer - arminonbike.com

Costa Verde | Sardegna – Quest‘anno la Honda Africa Twin ha subito delle importanti modifiche. Motivo sufficiente per provare questa nuova edizione della fortunata moto da avventura sulle strade parzialmente non asfaltate nel sud-ovest della Sardegna. Il tour avventuroso mi ha condotto fino alle dune di Piscinas…

Motostore Srl, il concessionario ufficiale di moto Honda di Cagliari, mi ha fornito per una giornata intera la Honda CRF1100L Africa Twin Adventure Sports ES DCT. Si trattava della variante dell‘enduro da viaggio dotata di trasmissione a doppia frizione e sospensioni elettroniche (SHOWA EERA). Dopo aver ricevuto una breve panoramica della moto da parte di Rossano, ho iniziato il mio viaggio dirigendomi ad ovest. Come area di test ho scelto l‘incontaminata Costa Verde, che con le sue strade non asfaltate e le ampie dune offre un ambiente adatto per mettere alla prova una moto da avventura quale l‘Africa Twin.

CAMBIO AUTOMATICO DCT ESTREMAMENTE MATURO

Il viaggio verso Arbus si è rivelato abbastanza scorrevole. Questo mi ha dato il tempo di testare estensivamente la trasmissione a doppia frizione (DCT) dell‘Africa Twin, che funziona completamente senza pedale del cambio e senza leva della frizione. La trasmissione automatica funziona come segue: quando si avvia la motocicletta, la trasmissione è in posizione “N”. Con l’interruttore a levetta centrale situato alla destra del manubrio, si seleziona la funzione di guida “D-S” e poi si parte semplicemente ruotando la manopola dell’acceleratore per dare gas.

In modalità AT (cambio automatico) è possibile scegliere tra “D” e tre livelli “S”, ciascuno dei quali influenza i tempi di commutazione. In modalità “D” il cambio marcia è molto rapido mentre in modalità “S3” il cambio avviene più lentamente. Per quanto mi riguarda, il livello “S1” si è rivelato l’impostazione ottimale. I cambi di marcia sono stati molto fluidi e senza strappi e hanno funzionato perfettamente anche in decelerazione rapida.

Non appena sono andato fuori strada, ho azionato l’interruttore “A-M” per passare alla modalità MT (cambio manuale). Questa modalità mi ha permesso di spostare su e giù gli ingranaggi direttamente dal manubrio sinistro utilizzando l‘indice e il pollice. Anche questa manovra è estremamente semplice, non causa problemi e mi ha fatto sentire davvero a mio agio alla guida.

L’EX VILLAGGIO MINERARIO INGURTOSU

A partire da Arbus il percorso ha cominciato a diventare più tortuoso. L‘Africa Twin ha reagito prontamente e, nonostante il peso di 250 kg, si è dimostrata molto leggera da manovrare anche in curve strette. Dopo 8 chilometri ho svoltato a destra sulla SS126 alla volta di Ingurtosu. Poco prima di raggiungere il villaggio, ho goduto di una fantastica vista sul Mediterraneo per la prima volta durante il mio viaggio. A partire dalla metà del XIX secolo quest‘area è diventata un importante centro minerario dato che nelle miniere di Gennamari e Ingurtosu si estraevano piombo, zinco e argento. Al centro dell‘area si trova il “Palazzo della Direzione“, rinnovato nel 2001, in cui si trovava l‘amministrazione delle miniere.

Durante il picco delle attività, raggiunto nella prima metà del 20° secolo, le miniere impiegavano più di 2.500 dipendenti, mentre oggi Ingurtosu è ormai un villaggio abbandonato. Lungo la strada verso il mare, numerose rovine testimoniano la fiorente attività del passato. La più grande si trova nel distretto di Naracauli ed è un ex impianto di lavaggio delle miniere che è stato utilizzato per lavare la pietra e separare la parte di scarto fin dal 1900. Da questo punto in poi la strada asfaltata termina lasciando il posto alla strada sterrata fino alla spiaggia.

Il touchscreen TFT a colori da 6,5 pollici dell‘Africa Twin, sfruttando la funzione Apple CarPlay, consente anche l‘uso di un iPhone, che va collegato alla moto tramite cavo USB. Io in particolare l’ho utilizzato per navigare con Google Maps. Mi ha un po‘ infastidito il fatto che potessi utilizzare il navigatore solo in combinazione con un auricolare Bluetooth collegato. Inoltre, è risultato un po‘ scomodo non poter visualizzare sul display informazioni importanti come velocità e contenuto del serbatoio durante l‘utilizzo di Apple CarPlay.

UPGRADE IN MOLTE AREE

La Honda Africa Twin è dotata di motore in linea a quattro tempi SOHC bicilindrico raffreddato a liquido, ampliato a 1.084 cm³. Per ottenere questo risultato la corsa è stata estesa da 75,1 mm a 81,5 mm, aumentando così la potenza a 102 CV e la coppia a 105 Nm. Il motore è stato in grado di erogare la giusta potenza in qualunque momento, e anche la trazione si è dimostrata molto buona fin dalle più basse velocità.

L‘unità di misura inerziale MM7.10 (IMU) di Bosch è integrata centralmente nella moto. Questo sistema di misurazione a sei assi registra la posizione spaziale della moto in tempo reale e quindi controlla la trazione, il pattinamento della ruota posteriore, l‘impennamento, l‘ABS in curva e la regolazione in curva della trasmissione a doppia frizione (DCT).

Il controllo elettronico delle sospensioni Showa EERA (Electronically Equipped Ride Adjustment) è disponibile come optional, ma fortunatamente era installato nella mia moto di prova, sicché ho potuto constatarne i vantaggi. Esso regola lo smorzamento in base alla modalità di guida e offre un maggiore comfort di guida a velocità più basse e maggiore stabilità a velocità più elevate. Esistono quattro impostazioni standard per il precarico della molla posteriore: “Driver”, “Driver con bagaglio”, “Driver con passeggero” e “Driver con passeggero e bagaglio”. Lo smorzamento e il precarico della molla possono essere regolati in 24 passaggi.

LE DUNE DI PISCINAS

Le “Dune di Piscinas” rappresentano uno dei sistemi dunali più grandi d‘Europa e sono state dichiarate Patrimonio dell‘Umanità dall‘UNESCO. Il deserto giallo ocra si estende per circa due chilometri quadrati ed è considerato il gioiello della Costa Verde con la sua meravigliosa spiaggia. Le dune formate dal Maestrale raggiungono altezze fino a 100 metri, si estendono fino a due chilometri lungo l’entroterra e sono circondate dal verde della tipica flora mediterranea. Le tartarughe marine depongono le loro uova sulla riva in questo paradiso naturale.

Per avvicinarmi alle dune in moto, ho girato a destra al bivio e ho lasciato il sentiero diretto alla Spiaggia di Piscinas. Grazie all‘altezza da terra di 250 mm dell‘Africa Twin Adventure Sports, sono riuscito a oltrepassare la strada allagata con le scarpe quasi asciutte. Per facilitare il raggiungimento del suolo, l‘altezza del sedile è stata ridotta da 850 a 870 mm e la larghezza del sedile a 40 mm.

All’altezza del Rio Piscinas ho lasciato la SP4 in direzione della spiaggia. Ho attraversato più volte il fiume rosso ruggine, il cui colore è dovuto all’alto contenuto di ferro, fino a raggiungere lo sbocco sul mare. L’aderenza degli pneumatici standard Bridgestone Battlax Adventure Cross Tourer AX41T è stata messa a dura prova sulle strade sterrate e ghiaiose. La ruota anteriore ha slittato più volte, ma grazie al mio attento stile di guida la moto si è rivelata comunque facile da manovrare.

Tuttavia, dopo essermi addentrato di qualche metro in una duna ho perso completamente aderenza e all‘improvviso non sono più riuscito ad andare ne avanti ne indietro sulla sabbia. Come se non bastasse a causa dell’assenza di vento il caldo si faceva sentire e per questo le mie scorte di acqua erano già terminate. Inoltre, il serbatoio da 24,8 litri dell‘Africa Twin quasi del tutto pieno non mi ha aiutato in questa scomoda situazione. Ad ogni tentativo di proseguire, la gomma posteriore scavava sempre di più nella sabbia e questo mi ha reso anche impossibile spingere la moto. In questo luogo surreale non si scorgeva alcuna persona all’orizzonte e la ricezione del telefono era altrettanto assente.

Per fortuna sono stato in grado di chiedere aiuto sulla spiaggia vicina, dove ho trovato Elia e Massimo con un camper parcheggiato in piena solitudine. Solo spingendo tutti assieme siamo riusciti a tirare fuori la moto dalla duna. Fortunatamente, la moglie di Massimo mi ha dato anche una grande bottiglia d‘acqua e così dopo una bella chiacchierata e dopo aver ringraziato tutti per l‘aiuto sono potuto tornare a Cagliari.

CONCLUSIONI DI ARMIN ON BIKE

Con la nuovissima CRF1100L Africa Twin Adventure Sports, Honda ha realizzato una enduro da viaggio ancora più confortevole. Con il grande serbatoio, che consente di coprire distanze fino a 500 km, e la posizione di seduta eretta, è l‘ideale per i lunghi viaggi. Inoltre, il controllo della velocità di crociera, le manopole riscaldate, il parabrezza regolabile e il rivestimento anteriore esteso aumentano ancora di più il comfort. Grazie alle diverse modalità di guida, è possibile un‘ampia gamma di utilizzi. Solo le gomme standard rappresentano una certa limitazione in caso di un‘avventura fuoristrada. Ma in tal caso, basterebbe montare ad esempio delle Metzeler Karoo 3 per avere una migliore prestazione fuoristrada, senza rinunciare alla comodità su strada.

Testo, foto e video: Armin Hoyer – arminonbike.com

, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.